Post più popolari

domenica 12 febbraio 2017

GIUSI PUGLISI


Sono abbastanza un'esplosione, una scintilla nella quiete di giorni in cui cerchi di andare avanti e la vita ti colpisce dritto in faccia. Sei fermo a guardare il cielo e a perderti nell'orizzonte e all'improvviso qualcosa distrugge tutto irrimediabilmente. Rimangono solo macerie e il tuo dover essere forte per affrontare tutto quanto, cercare di ricostruire quelle certezze che però ad effetto domino si frantumano una dopo l'altra, e più i giorni passano più tu devi rincorrerle, ricostruirle, sanguinare e stringere i denti per rimetterle in piedi e rimettere in piedi te stesso. Le macerie distrutte che ho dentro sono le case evacuate delle persone che erano nella mia vita e mi hanno abbandonata. Il mio cuore è la dimora dell'abisso in cui mi sono persa, o forse, ritrovata. Ed è dentro di me che cerco di rimettere insieme quelle case, è dentro di me che sento la necessità di costruirne delle nuove...ma quelle vecchie rimangono lì a prendere polvere e ad intossicare l'aria che si potrebbe respirare. Così soffochiamo tutti quanti nel momento in cui riesco ad erigere, trovo spazio per un nuovo posto sicuro, ma l'asfissia unita alla scintilla genera un'esplosione e tutto è di nuovo solo un flebile attimo. Il mio corpo è una reggia abbandonata, piena di stanze buie e spente. Luoghi di cemento armato che se anche li abbattessi del tutto un giorno, mi lascerebbero la polvere dentro e l'ombra di quello che sono stati. Quello che ho fuori dal corpo è una vita fatta di continui spostamenti su cui mai ho potuto avere davvero il controllo, semplicemente costretta ad uscire con un urto dalla finestra più alta. Allora ho iniziato ad abitarmi dentro.
TENEBRA ART RINGRAZIA


venerdì 22 aprile 2016

PERDITA DI VISTA A PUNTI, O DI PUNTI DI VISTA
















MINCHIA MI STAIU PIRDENNU , MA VERU PERO'.....
SI DEFORMANO LE VISIONI E LE PERCEZIONI DI QUESTO NAUFRAGIO TERRIBILE CHE VITA CHIAMASI.............
MA VA SUCA VA

mercoledì 13 gennaio 2016

LUCI E OMBRE

ANCHE QUEST'ANNO L'ASSOCIAZIONE DI CUI IO SONO PRESIDENTE PRO TEMPORE SI E' DATA DA FARE, ABBIAMO CERCATO DI MERAVIGLIARE CON LE NOSTRE OPERE UN PUBBLICO SEMPRE PIU' MODERNO, SEMPRE PIU' ESIGENTE.
UN INCONTRO DI IDEE DIVERSE, UN MISCUGLIO ALCHEMICO DI COLORI, MODI DIVERSI DI DIPINGERE E COLORARE LA REALTA'.
LA MOSTRA CHE TITOLA LUCI E OMBRE E' UN INNO ALLA DUALITA' DELLA LUCE, UN BENEVOLO OMAGGIO A CIO' CHE DA FORMA ALLE COSE; LA LUCE, O ANCORA A CIO' CHE NE DEFINISCE I CONTORNI,; L'OMBRA.
ATRIA ROBERTO PRESENTA OPERE DAI TONI BUI E TENEBROSI DA CUI EMERGONO IMMAGINI SOSPESE FRA REALE E IRREALE, IN TONI CUPI PIU' O MENO LUMINOSI.
IO SONO UN VIAGGIATORE SENZA META CREO UNA FUSIONE DI IMMAGINI CHE SONO RIFLESSE NELLA MIA MENTE, GIOCO COL MIO INTIMO A VOLTE TURBATO, DA QUI LE IMMAGINI BUIE CHE TRASMETTONO LUCE NELL'ANIMO DI CHI SA COGLIERE L'ASTRATTO DELL'ANIMA MIA.
MOSTRA DAL 15 AL 22 MARZO
TITOLO: VIZI ARS I
ARTISTI PRESENTI : ATRIA ROBERTO-AURELIO ROVELLI LUCIANO- ALESSANDRO BERGAMINI GANESH-PAOLO SCHORLI FANTINATO-MARIA PETRA POLEXICI.
RISULTATO: SCONVOLGENTE


 CONSIGLIPER GLI ACQUISTI



mercoledì 16 dicembre 2015

SI STAVA MEGLIO QUANDO SI STAVA PEGGIO

GRANDE TEAM, ROVELLI AURELIO LUCIANO, ATRIA ROBERTO, BERGAMINI ALESSANDRO (GANESH)
 INSTALLAZIONE REALIZZATA IN UN GIORNO, IN UN GIARDINO, IN UN GIORNO QUALUNQUE, UNA FESTA QUALUNQUE, DEDICATA AD UN EROE QUALUNQUE















































lunedì 13 ottobre 2014

ASSO, FESTA DELLE ASSOCIAZIONI, C'ERAVAMO ANCHE NOI, CERTO PICCOLA COSA, MA RICCA DI GENTE DAVVERO VALIDA, LE PERSONE SPECIALI CI SONO, AI POSTERI L'ARDUA SENTENZA.........................


























































martedì 28 gennaio 2014

LUCI E OMBRE


UN INCONTRO DI DIVERSE IDEE, MISCUGLI DIVERSI DI COLORI, QUESTO E' STATO, DIVERSI MODI PER DIPINGERE LA STESSA REALTA', LUCI E OMBRE E' STATO UN CONNUBIO DI COLORI FORME UN INCONTRO DI IDEE, SU COME LA LUCE DIA FORMA ALLE COSE E SU COME LE OMBRE NE DEFINISCANO I CONTORNI.
QUATTRO SPLENDIDE MENTI, ROBERTO ATRIA CON LE OPERE DAI TONI BUI E TENEBROSI DA CUI LE IMMAGINI SOSPESE FRA REALE E IRREALE PRENDONO FORMA, IO VIAGGIATORE SENZA METE NE CONFINI, FONDO LE IMMAGINI RIFLESSE NELLA MIA MENTE CON TUTTO QUELLO CHE MI PORTO DENTRO, LE MIE EMOZIONI.
GIORGIO VIGANO', VIGO PER GLI AMANTI DELLE SUE OPERE ONIRICHE E SOGNANTI, DIFFONDE LA LUCE CON PENNELLATE SAPIENTEMENTE INFERTE ALLE SUE TELE, OPERE CHE TRASUDANO EMOZIONI INTENSE PER CHI LE GUARDA E NE APPREZZA LA BELLEZZA.
ROVELLI AURELIO CHE COI SOGNI DI UN BAMBINO E' CAPACE DI ALLIETARE L'OCCHIO CON LE SUE OPERE DI UN FIGURATIVO BURLESCO, SCATURITO DA UN VIVERE BENEVOLO E FIDUCIOSO, LE SUE OPERE MODERNE GRAZIE ALLE CHIARE SFUMATURE DEI SOGNI SI AVVERANO ALLA VISTA IMMAGINI RICCHE, GLORIOSE E NELLO STESSO TEMPO FIABESCHE.
BERGAMINI ALESSANDRO CETTO GANESH PER LA SUA RICCA INTERIORITA', INFLUENZATO DA CORRENTI SPIRITUALI ORIENTALI, BONIFICA E DA VITA ALLE LUCI CON LE SUE SCULTURE DI LEGNO CHE TRASUDANO LUCI FREDDE ESALTANDO LA DOLCEZZA DELL'ANIMO E RICORDANDO VAGAMENTE I GENTILI SORRISI ORIENTALI, RILEVA L'ESSENZA DELLE FORME SEDUCENTI DELLE SUE OPERE ESALTANDO  LE FORME CHE PRENDONO VITA.
QUESTO E' STATO E QUESTO SARA' IN FUTURO PER NOI CHE CERCHIAMO DI ARRICCHIRE QUESTO VUOTO PARASSITARIO DEL GRIGIO CHE CI CIRCONDA.


ROBERTO ATRIA PRESIDENTE PRO TEMPORE ASS. CULTURALE ART. DIMMI CHE PUOI URLARE.

martedì 19 novembre 2013

Signori e Signore, abitanti del triangolo lariano, si comunica a tutti voi che a partire dal 29 gennaio 2014 si terranno i corsi di lavorazione della creta tenuti dal maestro Aurelio Rovelli presso la sede dell'associazione Dimmi che puoi urlare con sede in Asso (co) via Ponte oscuro N°2.
Le creazioni verranno poi esposte in giro per la Lombardia cercando di contribuire ad una personale crescita di ogni artista partecipante e ad un azione di benefica di sostegno per dei progetti in Africa.




 
 
 

 www.facebook.com

lunedì 30 settembre 2013

SUBDOLO A CURA DI MARCO COLOMBO

CHISSA' PERCHE' MI CHIAMANO SUBDOLO.
IO INFINE MI CHIAMO RICCARDO.
E POI COSA CAZZO VUOL DIRE SUBDOLO?
HO CERCATO QUESTA PAROLA SUL VOCABOLARIO,
MA HO TROVATO SOLO RICCARDO.
IO NON SONO UN CUOR DI LEONE,
E SPESSO FACCIO UN PO' IL COGLIONE.
SARA' PER QUESTO CHE SONO COSI' SUBDOLO?
OGGI STO  MALE, NON SO COSA HO,
VADO DAL MEDICO E LUI MI DICE CHE SOFFRO DI SUBDOLITE ACUTA.
CREDO CHE MORIRO' DA SUBDOLO.



www.blu.sitiwebs.com

giovedì 12 settembre 2013

GIORGIO VIGANO'


La materia dell'arte di Giorgio è il colore, la pasta cromatica, e se la pittura non è più rappresentazione oggettiva, il colore non è più un mezzo, uno strumento, ma si qualifica come una realtà autonoma.  Tra tutte le materie, la pittura è la più disposta alla manipolazione, quella che in potenza è più pronta ad assumere le impronte della sensibilità.La materia pittorica è impressionabile, trattiene qualcosa delle sensazioni, ma anche delle passioni che vi si posano.

Insomma, davanti ad una sua opera ci si ferma a pensare, a capire, a sognare...si abbandonano e si ritrovano al contempo le utopie dell'esistenza onirica.


CORTEGGIAMENTO




DARSENA



DONNA 5



GALOPPO



I SEI CONTADINI




FARFALLE



PASSEGGIATA A CAVALLO




RICORDI

domenica 30 giugno 2013

GIORGI GIUSEPPE

GRANDE VIAGGIATORE, FOTOGRAFO E PITTORE DI PAESAGGI, FRUTTO DI FANTASIA E DEI SUOI INNUMEREVOLI VIAGGI, CONOSCITORE DI GENTI STRANIERE, I SUOI SCATTI ATTENTI RIESCONO A CATTURARE QUANTO DI MAGICO CI PUO' ESSERE IN UN ATTIMO......................................................................................














 





 

BARONE FABIO

SCRITTORE NOIR, IL GIALLO E IL NERO SONO I SUOI COLORI, NELLE SUE OPERE COME IN QUADRO PERFETTAMENTE ASTRATTO C'E' UN SENSO, BASTA NON PERDERE IL FILO, O BASTA SOLO TROVARLO..............................................................................




STEFANIA COLOSIMO

LA PERFEZIONE DELLE INCISIONI, UNA MANO CHE SI MUOVE ANGELICAMENTE FRA FORME E TRATTI CHE SEMBRANO CREARSI DA SOLI PER LA PRECISIONE, GIUDICATE GENTE, GIUDICATE......................................................................